10% di sconto, novità e promozioni esclusive. Entra nel mondo di Flexie!

Food packaging personalizzato: perché funziona e quali saranno le tendenze future

Il food packaging ha conosciuto una rapida evoluzione nel corso del tempo, cambiando sotto diversi punti di vista, dal design ai materiali, fino alla crescente attenzione nei confronti del tema della sostenibilità e alla richiesta di una sempre maggiore brandizzazione dell’imballaggio.

Food packaging: un po’ di storia

Per parlare delle trasformazioni che ha subito il food packaging negli anni, non si può evitare di menzionare un momento cruciale e cioè la rivoluzione industriale del XX secolo, che ha profondamente mutato il modo di progettare e sviluppare le tipologie di imballaggio alimentare. Con la crescente diffusione delle macchine, infatti, il packaging divenne più elaborato e la sua produzione più veloce ed efficiente.

Attorno alla metà del ’900, con il boom dei negozi di alimentari e, soprattutto, dei supermercati, il concetto di food packaging diventò sempre più integrato a quello di marketing: un imballaggio non era più solo un modo per conservare o trasportare gli alimenti, ma era anche il segno distintivo di un particolare brand. Da qui, la nascita nel mondo anglosassone di una curiosa ma decisamente appropriata espressione: Silent Salesman, letteralmente “venditore silenzioso”, con la quale si esprime proprio l’idea che imballaggio e prodotto siano un unicum, che permette di creare nei consumatori un’importante associazione psicologica e, dunque, a catturarne l’interesse in chiave di vendita o a fidelizzarli.

Per quanto riguarda i materiali, i principali utilizzati nell’ambito del food packaging sono:

  • vetro
  • carta
  • metalli
  • plastica
SCOPRI TUTTI I MATERIALI PER IL TUO PACK

Il vetro, usato già più di cinquemila anni fa, rimane ancora oggi un ottimo materiale di imballaggio, soprattutto per i liquidi: può essere riutilizzato più volte senza alterare la qualità o il gusto degli alimenti.

La carta, largamente impiegata per il food packaging, rappresenta una soluzione versatile e sostenibile, anche se dagli anni ’70 e ’80 del secolo scorso è stata sempre più spesso sostituita dalla plastica, attualmente il materiale più usato nell’industria dell’imballaggio alimentare, grazie alla sua estrema versatilità, che la rende adatta a numerose tipologie di alimenti.

Per quanto riguarda, infine, i metalli, i più diffusi sono l’acciaio rivestito di stagno e l’alluminio, che, nel corso del tempo, si sono dimostrati tra i migliori materiali per il food packaging, in particolare per quanto riguarda gli alimenti sensibili alla luce.

Tendenze attuali e future del food packaging

Oggi, il settore del food packaging è estremamente dinamico e non mancano le novità che stanno già apportando diversi mutamenti in quest’ambito e ne promettono molti altri per il futuro. Tra i trend più interessanti, figura per esempio lo storytelling, il cui obiettivo è creare una maggiore brand awareness proprio attraverso l’imballaggio, in continuità con la tendenza a una sempre più intensa integrazione tra brand, prodotto e packaging.

Il food packaging oggi si trova a fare i conti anche con il delicato tema della sostenibilità: per ridurre inquinamento e impatto ambientale, gli imballaggi per alimenti devono poter essere riutilizzabili e riciclabili. Da qui, lo studio e la messa a punto di soluzioni innovative e green, che consentono di conservare perfettamente gli alimenti da un lato e di diminuire gli sprechi dall’altro.

Decisamente pionieristico è poi il trend del cosiddetto “imballaggio intelligente”, che coinvolge direttamente la tecnologia, mettendola al servizio del food packaging. Un esempio? Una fascia apposta sulla confezione di un alimento che, reagendo ai cambiamenti chimici, avverte il consumatore che il prodotto è in scadenza.

Buste doypack personalizzate per ogni tipo di prodotto!
Su Flexie puoi acquistare online sacchetti doypack personalizzati a partire da 100 pezzi con consegna in 9 giorni
9 materiali disponibili, tra cui riciclabili e con alluminio

Il food packaging innovativo e personalizzabile di Flexie

La capacità di fondere tradizione e innovazione, comprendendo le esigenze del proprio target di riferimento, è una delle chiavi per il successo di un’azienda. Per questo Flexie, leader nel mercato dei sacchetti e delle buste stand up termosaldabili personalizzate, ha saputo coniugare l’utilizzo di materiali tradizionali integrandolo con quelli che sono i trend attuali e futuri del settore.

Flexie include nella propria offerta le buste doypack e i sacchetti termosaldabili, prodotti disponibili in 9 materiali e formati, 3 dei quali completamente riciclabili. I sacchetti richiudibili, inoltre, possono essere personalizzati con zip ed euroforo. I vantaggi per i clienti non si fermano qui: è infatti possibile personalizzare fino a 20 grafiche in un ordine e chiedere una prova di stampa prima di mandare in produzione, al fine di venire incontro al meglio a tutte le esigenze.

 La consegna della merce, infine, è davvero express: in soli 10 giorni lavorativi, è possibile ricevere i prodotti, in versione neutra o personalizzata con il look del proprio brand.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

No products in the cart.