10% di sconto, novità e promozioni esclusive. Entra nel mondo di Flexie!
Buste doypack

Doypack: cos’è e perché utilizzarlo come imballaggio

Tipicamente usato per il confezionamento di erbe e infusi, ma anche di frutta secca e liquidi, il doypack è un tipo particolare di imballaggio, generalmente realizzato in materiale plastico, la cui funzione principale è conservare al meglio le proprietà intrinseche del prodotto destinato alla vendita. Approfondiamo insieme che cos’è un doypack nello specifico, le sue caratteristiche peculiari e quali sono i principali vantaggi nell’utilizzarlo come packaging per la vendita di prodotti alimentari e non.

Doypack: cos’è nello specifico e a che cosa serve?

Risultato della fusione delle parole “doy” (da Louis Doyen, uno dei primi a studiare e brevettare questo tipo di imballaggio) e “pack” (ossia l’abbreviazione inglese di packaging), questa busta rappresenta oggi una soluzione versatile ed economica per commercializzare sia generi alimentari che prodotti che devono essere conservati in un ambiente buio e privo di polvere e ossigeno.

Grazie a questa sua peculiare caratteristica, dal suo utilizzo originario nel campo alimentare il doypack è passato a essere impiegato anche per conservare e commercializzare categorie merceologiche di diversa natura, come ad esempio componenti elettroniche, cosmetici e, di recente, anche la cannabis light, un prodotto che teme particolarmente l’umidità e i raggi ultravioletti.

Quali sono le parti che compongono di norma un doypack?

Una busta doypack come quelle offerte da Flexie, normalmente, è formata da:

  • uno strato esterno, realizzato in plastica, carta o alluminio, e personalizzabile a livello grafico con loghi e scritte di ogni tipo;
  • una barriera del tipo EVOH, atta a sigillare l’interno della busta e ad impedirne il contatto con l’aria e la penetrazione dell’umidità. Inoltre questo genere di scudo deve anche impedire l’interazione del prodotto coi raggi UV. Normalmente i materiali più utilizzati sono plastica e alluminio, quest’ultimo particolarmente indicato per isolare a livello termico l’interno del doypack.

Tutti questi strati di materiale devono essere termosaldati tra loro ad alte temperature, per garantire la perfetta ermeticità del doypack e assicurare un’elevata resistenza della busta a qualunque tipo di sollecitazione durante il suo utilizzo.

La forma più comune è quella rettangolare, con misure che variano a seconda del contenuto da imballare. Per accedere al contenuto interno si deve tagliare con le forbici o rimuovere manualmente la parte superiore del doypack, che può essere stata pre-tagliata in fase di assemblaggio.

Gli accessori delle buste doypack

Alcuni tipi di doypack sono dotati di accessori, quali:

  • una zip, che facilita l’apertura e la chiusura della busta – e di conseguenza la fruizione del contenuto – pur mantenendo intatte le proprietà di ciò che è custodito all’interno;
  • un euroforo, vale a dire un’asola o un foro circolare realizzato sulla sommità del doypack, che permette di infilare la confezione in un comodo espositore;
  • un fondo piatto, con la parte terminale della busta che va a formare una sorta di “W”, che una volta aperta permette al doypack di stare in piedi su di uno scaffale. Questo tipo di imballaggio è particolarmente indicato per i liquidi viscosi e le polveri, che per il loro peso possono rendere difficoltosa la loro esposizione;
  • una finestratura trasparente in plastica, che consente al cliente di visualizzare con facilità il contenuto situato all’interno della busta.

Doypack: cos’è che lo rende un imballaggio ideale?

Il principale vantaggio di utilizzare i doypack per l’imballaggio dei prodotti sta nella loro perfetta capacità di preservare il loro contenuto, impedendo ad esempio fenomeni ossidativi dovuti alla penetrazione dei raggi ultravioletti o dell’umidità, che possono inficiare i principi attivi e/o la qualità della merce.

Inoltre la loro flessibilità, unita alla robustezza del materiale termosaldato, contribuisce a rendere il doypack un imballaggio dotato di un perfetto equilibrio tra resistenza, praticità ed estetica.

Altri vantaggi derivati dall’utilizzo del doypack sono infine:

  • un suo utilizzo ripetitivo nel tempo, proprio in virtù della robustezza e della presenza della zip apri-e-chiudi, che facilita l’accesso al contenuto della busta;
  • una perfetta sigillatura del prodotto, che in campo alimentare costituisce una sicurezza fondamentale: infatti, nessuno può alterare il prodotto contenuto all’interno del doypack una volta sigillato, fino alla sua vendita finale;
  • un volume ridotto, che facilita il trasporto e riduce gli ingombri nel momento in cui si va ad esporre la merce al pubblico;
  • costi di produzione contenuti e basso impatto ambientale, specialmente quando si utilizzano percentuali di plastica e carta riciclate.

Condividi su:

No products in the cart.